Sei in: Mazzucco srlBlogMondo SerramentiIl bonus ristrutturazione per le porte interne
Blog

Il bonus ristrutturazione per le porte interne

Categoria: Mondo Serramenti
Data pubblicazione: 10/12/20 • Autore: laura

Il bonus ristrutturazione per le porte interne

Le porte sono uno degli elementi fondamentali della nostra casa. Sceglierle accuratamente non è solo un problema di stile, anche se è innegabile quanto possa essere stimolante, ad esempio, pensare di arredare casa con le porte interne. 

Ma, messo da parte per un attimo il divertimento, non possiamo dimenticare quanto incida la spesa nella scelta. Per questo motivo, in questo articolo parleremo di come usufruire del bonus ristrutturazione per installare o sostituire le porte interne.

La detrazione fiscale per le porte interne

In seguito a una interrogazione parlamentare portata avanti dal deputato M5S Giovanni Currò, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha stabilito quali sono le tipologie di interventi in cui è possibile usufruire del bonus ristrutturazione. In sostanza, si è arrivati alla conclusione che tutti gli interventi di manutenzione ordinaria, se inseriti all’interno di un lavoro di ristrutturazione (manutenzione straordinaria) più ampio, possono accedere a uno sconto del 50% attraverso una detrazione IRPEF rateizzata in dieci anni.

Come abbiamo già visto nell’articolo su permessi e detrazioni previsti se si cambiano i serramenti, la sostituzione di porte interne, così come di tutti i lavori di manutenzione ordinaria, può giovarsi del bonus se questi ultimi sono collegati a interventi di maggior rilievo. Questo principio si definisce “carattere assorbente”.  In breve, nel complesso dei lavori di ristrutturazione, gli interventi minori acquisiscono il valore di quelli maggiori, usufruendo anch’essi del bonus, poiché strettamente collegati.

È interessante che le detrazioni riguardino anche le singole unità immobiliari. Se ci troviamo a dover ristrutturare casa, dunque, potremo far valere il bonus anche per quelle spese destinate alle opere di finiture, come la sostituzione delle porte interne, appunto, se questi lavori sono necessari alla conclusione del lavoro di ristrutturazione complessivo intrapreso.

La circolare 57/1998 è, infatti, molto chiara: il MEF stabilisce che “qualora gli interventi singolarmente non agevolabili (manutenzione ordinaria) siano integrati o correlati ad interventi di categorie diverse per i quali compete la detrazione d’imposta, per effetto del carattere assorbente della categoria di intervento «superiore» rispetto a quella «inferiore», anche i lavori rientranti in quest’ultima categoria sono ammessi a beneficiare della detrazione d’imposta”.

Come accedere al bonus porte interne

Grazie alle recenti disposizioni ministeriali, accedere alle agevolazioni fiscali è ancora più semplice. Così come per le finestre, infatti, è possibile sostituire le porte interne avendo subito uno sconto in fattura cedendo il proprio credito verso terzi.

La detrazione pari al 50% è valida per i lavori di ristrutturazioni eseguiti entro al 31 dicembre 2020 e prevede un limite di spesa massimo pari a € 96.000.

Se avete intenzione di ristrutturare casa e avete bisogno di cambiare le porte interne, non esitate a contattarci: da Mazzucco troverete sicuramente quello di cui avete bisogno!



 

 
Indietro


Preventivo veloce

Costruisci tu stesso un preventivo!

In pochi semplici passi potrai farci avere le misure del tuo progetto e ti invieremo velocemente un'offerta

Procedi