Sei in: Mazzucco srlBlogMondo SerramentiCome trasformare il balcone in veranda
Blog

Come trasformare il balcone in veranda

Categoria: Mondo Serramenti
Data pubblicazione: 20/08/20 • Autore: laura

Come trasformare il balcone in veranda

Una veranda non è altro che un balcone o un terrazzo chiuso da vetrate. Spesso nelle nostre case abbiamo spazi trascurati o sottovalutati, perché scoperti o poco funzionali. In realtà, con i dovuti permessi e le giuste idee, è possibile recuperare un balcone e renderlo uno spazio vivibile. Così come abbiamo visto per il giardino d’inverno, infatti, la chiusura di un terrazzo tramite vetrate ci restituirà un ambiente elegante in cui trascorrere il nostro tempo libero.

Perché realizzare una veranda?

Le case moderne sono sempre più piccole. Se questo rappresenta un vantaggio in termini di funzionalità e risparmio energetico, di sicuro non è il massimo se accumuliamo oggetti che non sappiamo dove disporre. In questo senso, una veranda può venirci in aiuto, facendoci recuperare degli angoli della casa utili per le nostre incombenze quotidiane o per praticare i nostri hobby. A chi non farebbero comodo alcuni metri in più al chiuso dove inserire la lavatrice, creare uno studio o un’area giochi per i bimbi?

Quali vantaggi offre una veranda

Chiudere un balcone non è un lavoro invasivo e offre diversi vantaggi. Tra tutti, guadagnare dello spazio è sicuramente quello più interessante. Ma pochi metri in più non fanno la differenza se non ci consentono di ottenere una zona davvero vivibile. A questo proposito gioca un ruolo decisivo la luce, che prolunga illusionisticamente lo spazio e ci consente di migliorare la qualità della vita. Più luce significa salute e buonumore, oltre che un notevole risparmio sulla bolletta.

L’ideale sarebbe optare per finestre scorrevoli, in modo da garantire una semplice apertura e chiusura.

Quali sono i permessi necessari per realizzare una veranda

Fin qui nessun problema, dunque. Tuttavia, prima di procedere con i lavori, sarà necessario chiedere l’autorizzazione all’ufficio tecnico del proprio Comune. Questo fondamentalmente perché la veranda non è una struttura amovibile, anche se ci appare “leggera”, perché realizzata in vetro. Inoltre, se la casa si trova all’interno di un condominio, si dovrà presentare il progetto anche all’assemblea condominiale.

Inoltre, la chiusura di un balcone o terrazzo determina l’aumento di cubatura del nostro immobile e, se visibile all’esterno, potrebbe modificare l’aspetto della facciata del palazzo.

Ricapitolando, per poter realizzare la nostra veranda, dovremo accertarci che vi sia della volumetria disponibile per il nostro immobile e che si rispettino i rapporti di superficie aereo-illuminante.

Quando è possibile realizzare una veranda in condominio

La chiusura di un balcone in un immobile che fa parte di un condominio è una questione più delicata. Ogni caso andrebbe valutato singolarmente ma, in linea generale, si può affermare che la realizzazione di una veranda in un condominio deve necessariamente:

  • rispettare il decoro del palazzo
  • non creare danni agli altri condomini, né impedire loro di godere degli spazi comuni

Se la veranda si trova direttamente sulla facciata del palazzo, alterandone l’aspetto originario, è molto probabile che il progetto non venga ammesso. In questo senso, infatti, si pregiudicherebbe la coerenza stilistica e il decoro architettonico.

Per non incorrere in problemi di questo tipo, è sempre bene affidarsi a professionisti esperti, architetti che realizzino un progetto adeguato al contesto abitativo, e ditte che garantiscano l’utilizzo dei materiali migliori.

Da Mazzucco mettiamo a disposizione oltre cinquant’anni di esperienza nella realizzazione di serramenti su misura, per offrirvi le soluzioni migliori per i vostri progetti.

 

 
Indietro


Preventivo veloce

Costruisci tu stesso un preventivo!

In pochi semplici passi potrai farci avere le misure del tuo progetto e ti invieremo velocemente un'offerta

Procedi